ATF ADERISCE ALLE GREEN PROCUREMENT POLICY

ATF, Associazione dei Tecnici italiani del Freddo, aderisce alle politiche di Green Procurement consigliate dalla Unione Europea, anche per i progetti nazionali ed internazionali.
Il progetto Real Alternative 4 LIFE riconosce al settore una responsabilità ambientale che va oltre i requisiti legali e normativi. “Siamo impegnati a ridurre l’impatto ambientale come parte integrante della nostra strategia aziendale e dei metodi operativi” dichiara il Segretario Generale ATF Marco Buoni.
Il sistema degli appalti sostenibili UE è legato a criteri ambientali, economici e sociali con l’obiettivo di motivare i fornitori a offrire prodotti e servizi ad alta compatibilità ambientale.

Il progetto quindi mira a:

  1. rispettare tutti i requisiti normativi;
  2. ridurre al minimo i rifiuti;
  3. incoraggiare l’uso sostenibile delle risorse;
  4. eliminare gli acquisti e le stampe non necessarie;
  5. lavorare con i fornitori e gli appaltatori per incoraggiare l’adozione di pratiche responsabili sull’ambiente in linea con la politica sostenibile degli appalti;
  6. migliorare la pulizia e massimizzare l’uso efficiente dell’energia e dell’acqua;
  7. utilizzare Skype/chiamate in conferenza per evitare, se possibile, viaggi aerei, auto o treni e incoraggiare l’uso del trasporto pubblico.

Per farlo, il progetto insegue questi obiettivi:

  1. educare lo staff su tutte le problematiche ambientali e sul loro ruolo nel ridurre al minimo l’utilizzo delle risorse e minimizzare gli acquisti;
  2. promuovere solamente gli acquisti legati al miglioramento ambientale e preferire prodotti riciclati;
  3. assicurarsi che il personale abbia compreso i requisiti di tutta la legislazione ambientale, le linee guida e i codici di prassi applicabili all’organizzazione;
  4. impostare obiettivi misurabili e parametri per il benchmark, la revisione e la relazione delle prestazioni.

Strumenti utili a raggiungere questo scopo sono qui elencati:

https://it.wikipedia.org/wiki/Green_public_procurement

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *